mettersinforma

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Ritenzione idrica? Prova il tè verde

Tu sei qui → Integratori / Ritenzione idrica? Prova il tè verde

Tempo di lettura: minuti | Data: 28/10/ 2019

Uno degli antiossidanti più bevuti al mondo, il tè verde apporta al nostro organismo tantissimi benefici.

Gli studi, infatti, hanno evidenziato che l’estratto ottenuto dalle foglie giovani e non fermentate è un tonico in caso di stanchezza - sia fisica che mentale - un sostegno per le normali funzionalità intestinali e anche un aiuto per mantenere sotto controllo l’ago della bilancia.

Gli estratti di Camellia sinensis (L.) Kuntze infatti, oltre a favorire il controllo del peso, sono indicati per sostenere il drenaggio dei liquidi corporei.

Bere una tazza di tè verde diventa, quindi, un supporto importante per chi ha scelto di vivere in salute, ma anche per coloro che hanno iniziato un percorso all’insegna del benessere.

Ora, non resta che scoprire insieme perché scegliere il tè verde per la ritenzione idrica.

SCOPRI
come prevenire
la ritenzione idrica

Ritenzione idrica e te verde
Pubblicità
Visita il sito

Ritenzione idrica: facciamo chiarezza

Che cosa nasconde la sensazione di essere gonfi, associata spesso a gambe e caviglie come palloncini?

La ritenzione idrica, un fastidio che si manifesta in varie sfumature di “volumi” non dolorosi, concentrati principalmente negli arti inferiori, gambe, cosce e caviglie, e sull’addome.

Ma che cos’è la ritenzione idrica?

Si tratta della manifestazione di alterazioni del complesso meccanismo che regola e controlla lequilibrio idrico organico che portano il nostro corpo a trattenere liquidi, favorendo la formazione di edemi localizzati nelle zone gonfie.

Le cause di ritenzione idrica sono molteplici. Eccone 8, tra le più frequenti

  1. Dieta ricca di sale - dato che il sodio a livello organico richiama e trattiene l’acqua
  2. Alimentazione scorretta
  3. Problemi di microcircolazione, di circolazione venosa e linfatica
  4. Sovrappeso
  5. Vita sedentaria
  6. Bere poco
  7. Fumo e alcol
  8. Ormoni in subbuglio - l’esempio più comune è la menopausa

Spesso, più di uno di questi fattori favoriscono lo stagnare di liquidi nello spazio interstiziale tra cellula e cellula, con la conseguente formazione di edemi.

Alcune zone colpite come le cosce e l’addome sono anche quelle dove si accumula maggiormente l’adipe, in particolar modo nelle donne.

Il tessuto adiposo sottocutaneo, infatti, tende a trattenere liquidi, formando edemi: la classica buccia d’arancia non dolorosa.

#METTERSINFORMA Poco sale e molta acqua: 2 consigli per vincere la ritenzione idrica

5 consigli per prevenire la ritenzione idrica

I principali consigli per prevenire la ritenzione idrica prevedono proprio il controllo sui fattori causali.

#1 Seguire una dieta povera di sodio

È ormai noto che salare poco i cibi ed evitare gli alimenti naturalmente ricchi di sale, come gli insaccati, aiuta a prevenire la ritenzione di liquidi ma anche altre problematiche come quelle cardiovascolari.

#2 Seguire una dieta sana, varia ed equilibrata

Contro la ritenzione idrica, però, bisogna anche mangiare sano, favorendo una dieta varia, equilibrata e ricca di frutta e verdura.

La frutta, infatti, è una fonte di flavonoidi che possono favorire una migliore circolazione.

Seguire un’alimentazione corretta, anche dal punto di vista calorico, è poi essenziale per la prevenzione del sovrappeso.

#3 Evitare la vita sedentaria

Il movimento, anche leggero, è necessario per evitare la stasi venosa, favorire la circolazione e contrastare la ritenzione idrica.

Ricorda che stare troppo seduti o troppo in piedi senza muoversi sono entrambe situazioni che favoriscono ritenzione e che si possono evitare facendo respirare il tessuto sottocutaneo con un po’ di movimento.

#4 Bere acqua vince la ritenzione di liquidi

Una giovane donna beve un bicchiere d'acqua per contrastare la cellulite

È fondamentale bere acqua per evitare che il corpo la trattenga. Molte persone con problemi di ritenzione idrica tendono a bere poco per paura che di accumulare acqua.

Il fatto è che, così facendo, si gonfiano ancora di più, perché il nostro organismo registra il mancato introito di acqua come un segnale d’allarme che lo porta a trattenere ogni minima goccia presente nel nostro corpo per mantenere l’equilibrio idrico essenziale alla vita.

Quindi, per eliminare i liquidi è fondamentale bere, perché la diuresi è un processo indotto proprio dall’introito di liquidi.

#5 Aiutarsi con qualche pianta che favorisce la diuresi

Betulla, ortosifon, gramigna, pilosella, verga d’oro e tanti altri estratti erbali favoriscono il drenaggio dei liquidi corporei. Tra i vari estratti erbali è indicato il tè verde.

A questo punto vediamo insieme come, tra i vari rimedi naturali per la ritenzione idrica, il tè verde riesca a distinguersi nel favorire l’equilibrio del peso corporeo.

Tè verde per la ritenzione idrica

Ragazza sorseggia una tazza di te verde utile contro la ritenzione idrica

È stato dimostrato che l’estratto di foglie di tè verde, anche in polvere come matcha, ha un blando effetto diuretico dovuto alla presenza di xantine e metilxantine, in particolare la caffeina.

Gli studi hanno infatti evidenziato che, in generale, le xantine determinano a livello di tubuli renali una riduzione dellassorbimento di sodio e quindi di acqua, promuovendo così la diuresi.

Gli effetti osservati sono la produzione e l’eliminazione di urina molto diluita. Alcuni studi avrebbero inoltre evidenziato come anche la caffeina inibisca lormone antidiuretico.

Il tè verde è dunque indicato per favorire il drenaggio dei liquidi corporei e se ne consiglia l’assunzione di almeno 3 tazze al giorno per vederne gli effetti.

In linea generale, possiamo affermare che tè verde e acqua sono unaccoppiata vincente.

Acqua e tè verde in un unico infuso sono un connubio sinergico nel favorire la diuresi e il drenaggio dei liquidi corporei.

Bere preparazioni di tè verde durante la giornata rappresenta una sana abitudine che diventa anche un sostegno per favorire il drenaggio dei liquidi, perché si combinano le blande proprietà diuretiche del tè verde con l’acqua.

Lacqua, infatti, è considerata il diuretico naturale per eccellenza: efficace, sicura e semplice da utilizzare, data la sua fisiologica influenza proprio sulla normale diuresi.

Nello specifico, si è visto che l’assunzione di elevate quantità di acqua (500 ml) ne favorisce la distribuzione in tutti i compartimenti idrici del corpo a cui segue la diminuzione della pressione osmotica che attiva, a sua volta, il sistema di controllo dell’equilibrio idrico, inibendo a livello renale il suo riassorbimento.

L’aumento del volume delle urine si evidenzia dopo 30 minuti e dura fino a 120 minuti. Per favorire un maggiore effetto diuretico, viene consigliata la combinazione di acqua ed estratti erbali in forma di infusi o decotti.

In tal modo, un infuso di tè verde (anche matcha) e acqua rappresenta un utile supporto per favorire la diuresi e il drenaggio dei liquidi corporei.

Abbiamo conosciuto meglio il tè verde come utile drenante per prevenire la ritenzione idrica. Adesso sappiamo che bere tè verde è sempre gradito al palato e anche all’equilibrio idrico!

Prodotti consigliati

Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.

Chiedi consiglio
all'esperto

Cosa bisogna mangiare prima di una sessione di running?
Quali integratori alimentari scegliere?
Perché mangiare un cibo piuttosto che un altro?
Tante domande a cui, finalmente, puoi dare una risposta.

Cosa aspetti? Chiedi consiglio al nostro Dietista.

Leggi tutte le risposte