mettersinforma

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

The Matcha: alla scoperta del tè verde giapponese

Tu sei qui → Integratori / The Matcha: alla scoperta del tè verde giapponese

Tempo di lettura: minuti | Data: 10/06/ 2019

Si sente sempre più spesso parlare del the matcha, la polvere di un intenso color verde proveniente dal Giappone con cui si può preparare una deliziosa bevanda, seguendo le indicazioni dell’antica cerimonia del tè: la Cha no yu, letteralmente, “acqua calda per il tè”.

Ma oltre essere una varietà di tè molto apprezzata, il the matcha ha anche diverse proprietà benefiche. Scopriamole insieme!

SCOPRI
Le proprietà del
The Matcha

Proprietà del the matcha
Pubblicità
Visita il sito

The matcha: una tradizione millenaria

Da sempre utilizzato per favorire la meditazione e creare un collegamento armonico con la natura, il the Matcha vanta una tradizione antichissima nella cultura nipponica.

La “spuma di giada” è, infatti, la preziosa bevanda simbolo di vitalità e spiritualità che si ottiene sospendendo la fine polvere verde del the matcha in acqua calda, seguendo le antiche regole della Cha no yu.

Ma che cos’è, esattamente, il the matcha? Quali sono le sue proprietà? Come si utilizza oggi?

#METTERSINFORMA Le proprietà del #TheMatcha: un elisir di vitalità e salute!

Che cos’è il the matcha?

Il the Matcha è la polvere ottenuta dalle foglie di una delle piante più famose, studiate e utilizzate al mondo, la Camellia sinensis Kuntze, ovvero, la pianta del tè verde e del tè nero.

Nello specifico, è comunemente definito tè verde giapponese. Si tratta sempre della famosa pianta originaria della Cina che, però, in Giappone è da sempre sottoposta a procedure di coltivazione, raccolta delle foglie e preparazione in grado di differenziare il suo estratto da tutti gli altri tipi di tè nero e verde ampiamente noti in tutto il mondo.

In particolare, le piante di the matcha vengono coltivate protette dai raggi solari, ovvero in penombra e coperte con teli, tradizionalmente stuoie di Bambù, per 20 - 30 giorni da quando spuntano i primi germogli primaverili fino al momento della raccolta, ai primi di maggio.

Questo tipo di coltivazione assicura una produzione maggiore di clorofilla rispetto al tè verde tradizionale ed è la ragione dell’intenso color verde, simile a quello della pietra di Giada, uno degli ingredienti dell’elisir di lunga vita.

Le foglie delle piante vengono raccolte a mano e accuratamente selezionate in base alletà della pianta. Tale selezione permette la distinzione dei 2 principali tipi di the matcha:

  1. Koicha, dato dalle foglie più giovani delle piante più vecchie da cui si prepara il tè denso o spesso
  2. Usucha, dalle foglie più vecchie delle piante più giovani per la preparazione del tè leggero o sottile dal gusto più amaro

Una volta raccolte, le foglie vengono cotte a vapore e subito asciugate per evitare la fermentazione, tipica del tè nero e causa della sua elevata concentrazione in caffeina.

Una volta asciutte le foglie vengono polverizzate con delle macine di pietra al fine di ottenere la caratteristica polvere di un intenso color verde che distingue il the Matcha.

In sintesi, il the Matcha è una particolare preparazione in polvere di foglie di tè verde coltivate in ombra e selezionate durante la raccolta.

La preziosa composizione del the matcha: quasi un elisir di vitalità e salute

Piantagione te verde giapponese

Le procedure di coltivazione, raccolta e preparazione della polvere di tè verde giapponese favoriscono, non solo la maggior sintesi di clorofilla e il caratteristico color verde giada, ma anche una composizione che si distingue per l’elevato contenuto di nutrienti preziosi, ad azione antiossidante e rilassante.

In particolare, il the matcha contiene:

  • Vitamine A, C, E, vitamine del gruppo B, betacarotene e clorofilla
  • Minerali, come calcio, magnesio, ferro e potassio
  • Polifenoli ad azione antiossidante, in particolare catechine tra cui l’EGCG o epigallocatechina 3-gallato, uno dei composti del tè verde più studiati, e poi anche l’epicatechina (EC), l’epigallocatechina (EGC) e l’epicatechina-3 gallato (ECG)
  • Xantine e metilxantine ovvero la teofillina, la teobromina e in particolare la caffeina
  • Macronutrienti, ovvero proteine (tra cui enzimi), carboidrati (ad esempio cellulosa e fruttosio) e tracce di lipidi (steroli)
  • Aminoacidi, tra cui il composto più interessante e distintivo è la teanina

La composizione è molto simile a quella del classico tè verde da cui si distingue, non solo per la maggiore concentrazione di clorofilla, ma anche di tutti gli altri preziosi componenti. Non è un caso che il the matcha venga considerato una varietà molto pregiata di tè verde.

Come si prepara il the matcha?

Il the Matcha è il protagonista di uno dei rituali più antichi della cultura giapponese: la cerimonia del tè. Nello specifico, si tratta di un rituale molto delicato che nelle sue regole e nella sua gestualità concentra lessenza spirituale, sociale e salutistica che si degusta bevendo una tazza di tè verde giapponese.

La preparazione di questo tè non avviene per infusione ma creando una sospensione di circa 2 grammi di polvere (misurata con il chashaku, il tradizionale cucchiaino-dosatore in bambù per la polvere di tè) in 60-70 ml di acqua calda, utilizzando il caratteristico frullino in canna di bambù, chasen, con cui per circa 10 secondi iniziando piano e poi aumentando la velocità si segue una M sul fondo della ciotola.

Si deve utilizzare come tazza il chawan, la tradizionale tazza in ceramica giapponese dai bordi irregolari. Si ottiene così la schiuma di giada”, una bevanda abbastanza densa e schiumosa da bere subito per poter godere in pieno di tutte le proprietà del the Matcha.

Le regole della cerimonia del tè furono riassunte in queste poche righe da Sen-no-Rikkyu, un monaco Zen considerato il maestro codificatore dellarte del Cha no yu.

Fai una deliziosa ciotola di tè.
Disponi la carbonella in modo da scaldare l’acqua.
Arrangia i fiori come lo sono nei campi.
D’estate, evoca la freschezza; d’inverno, il calore.
Precorri in ogni cosa il tempo.
Preparati alla pioggia.
Dedica ai tuoi ospiti la massima attenzione
”.

Poche parole che evocano tutta la cura e la delicatezza che da secoli vengono dedicati a questa cerimonia antichissima dove ogni cosa, dai fiori per decorare la stanza del tè alla temperatura dell’acqua, hanno una precisa destinazione focalizzata sulla creazione di un legame di armonia con la natura e le persone, il rispetto dell’ospite, la tranquillità dello spirito e il perseguimento della purezza.

The matcha: una polvere verde dalle innumerevoli proprietà

I Giapponesi, ancora oggi, sono abituati a sorseggiare il loro tè durante la giornata, come ingrediente fondamentale, prezioso e promotore della salute nella loro alimentazione, alla stregua del riso.

Il the matcha, infatti, oltre ad essere, come il classico tè verde, un buon antiossidante, un sostegno per la digestione e un tonico utile in caso di stanchezza sia fisica che mentale, è noto per le sue proprietà rilassanti, antistress e ansiolitiche, e per favorire la concentrazione.

Tanto da essere utilizzato dai monaci per favorire la meditazione ma anche dai guerrieri per affrontare la battaglia con forza e lucidità: un corroborante per il fisico e la mente.

E sono proprio queste proprietà che hanno reso il tè verde giapponese uno gli ingredienti chiave della filosofia Zen.

Ma come può essere un calmante se contiene Caffeina?

La risposta a questa domanda è semplice: tutto merito della teanina, un amminoacido che si trova nel tè. La teanina, in pratica, compensa le proprietà eccitanti della caffeina, di cui il the matcha è comunque ricco.

Infine, anche il the matcha, come il classico estratto di foglie di tè, è indicato per il controllo del peso, attività che viene attribuita ai polifenoli, e di drenaggio dei liquidi corporei, azione dovuta principalmente alle metilxantine.

L’equilibrio tra i vari componenti rende la polvere di the matcha un prezioso alleato della salute, e anche in cucina. La polvere viene, infatti, utilizzata anche nella preparazione di zuppe, torte salate, dolci e molte altre ricette tipiche giapponesi e non solo.

Molti Chef in tutto il mondo hanno sviluppato deliziose ricette contenenti il the matcha per aggiungere il suo particolare sapore a nuovi piatti.

Il the Matcha è l’esempio di come una preziosa tradizione antica possa diventare un importante alleato della nostra salute fisica, mentale e spirituale. Una buona tazza di tè verde giapponese con gli amici o in un momento di relax privato è ancora oggi un elisir di salute che favorisce armonia, rispetto, purezza e tranquillità!

Prodotti consigliati

Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.

Chiedi consiglio
all'esperto

Cosa bisogna mangiare prima di una sessione di running?
Quali integratori alimentari scegliere?
Perché mangiare un cibo piuttosto che un altro?
Tante domande a cui, finalmente, puoi dare una risposta.

Cosa aspetti? Chiedi consiglio al nostro Dietista.

Leggi tutte le risposte