mettersinforma

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Combatti la cellulite con la dieta

Tu sei qui → Dieta e alimentazione / Combatti la cellulite con la dieta

Tempo di lettura: minuti | Data: 20/04/ 2018

La cellulite è un inestetismo caratterizzato dalla classica pelle a buccia d’arancia: quando appare, generalmente su glutei e cosce, fa traballare la nostra autostima e rende la prova costume una grande sfida.

La pelle a buccia d’arancia si può, però, prevenire e controllare, iniziando a evitare una vita sedentaria e seguendo un’alimentazione sana e mirata a diminuire alcuni alimenti che ne favoriscono la formazione. Sane abitudini che possono aiutare a prevenire l’evolversi della cellulite, da leggero inestetismo a problematica vera e propria, per cui è necessario l’intervento del medico.

SCORRI
per combattere la
cellulite

combattere la cellulite con la dieta

Cellulite conosciamola da vicino

Letteralmente il termine cellulite significa “infiammazione delle cellule”. Nel linguaggio comune con la parola cellulite si indica impropriamente una problematica che coinvolge le cellule adipose sottocutanee e che è definita scientificamente pannicolopatia edematofibrosclerotica. Questa problematica è caratterizzata da un decorso infiammatorio abbastanza lento che può inizialmente determinare un lieve e fastidioso inestetismo che, cronicizzando, può però trasformarsi in una problematica funzionale e cellulare vera e propria.

La cellulite è caratterizzata da un accumulo di cellule adipose ipertrofiche generalmente nelle zone di natiche, cosce, ginocchia e braccia. Nelle fasi iniziali l’infiammazione è “silente” e l’edema è talmente leggero da non essere apprezzabile. Con il suo evolversi però iniziano a manifestarsi i primi segni di alterazioni morfologiche cutanee:

  • comparsa di pelle a buccia d’arancia
  • cute secca, poco elastica e fredda al tatto
  • noduli duri
  • cuscinetti dolorosi al tocco
  • sensazione di pesantezza delle gambe e tensione

L’edema e l’infiammazione derivano da alterazione della circolazione linfatica e venosa che favoriscono da una parte il ristagno di liquidi e dall’altra una minore ossigenazione delle cellule adipose. Queste a un certo punto vengono circondate da una sostanza densa e gelatinosa prodotta dal nostro corpo come reazione di difesa per isolare la zona colpita. Tale sostanza è la causa della formazione di noduli e cuscinetti e il motivo per cui la cellulite è dura e dolorosa al tatto.

Se nelle fasi iniziali appare una leggera buccia d’arancia, con il cronicizzarsi della situazione essa può diventare più evidente fino a trasformarsi, nei casi più gravi, nei “calzoni da cavallerizza” che caratterizzano la cellulite molle granulare, una problematica che richiede l’intervento del medico.

Fattori primari e secondari che favoriscono la formazione della cellulite

Tra i principali fattori che favoriscono la formazione di cellulite ci sono una certa predisposizione genetica, legata non solo alla familiarità tra madre e figlia ma anche alla costituzione e alla razza, e alcuni ormoni. In particolare, sono coinvolti gli ormoni sessuali femminili, tiroidei e surrenalici.

La cellulite è principalmente un problema femminile direttamente legato ai livelli di estrogeni. Infatti non compare prima della pubertà ed è favorita dall’innalzamento dei livelli di tali ormoni che, sia durante l’ovulazione che in gravidanza con l’aumento del peso, sono la causa di alterazioni della circolazione venosa e linfatica associate alla comune sensazione di gambe pesanti.

#mettersinforma: combatti la #cellulite con una dieta sana ed equilibrata.

Anche durante la menopausa aumenta il rischio di comparsa di cellulite a causa delle fluttuazioni di estrogeni, così come nelle donne che utilizzano la pillola anticoncezionale.

Un eccesso di ormoni surrenalici è legato a un aumento dei livelli di glucidi che sono la causa indiretta di accumulo di grasso in alcuni distretti, ad esempio l’addome, anche per i pochi uomini che possono sviluppare tale problema. Infine, le alterazioni del metabolismo degli ormoni tiroidei vengono associate a un rallentamento del metabolismo dei carboidrati e a un aumento della ritenzione idrica che favoriscono la formazione di cellulite.

Altri fattori secondari che possono contribuire alla formazione della cellulite sono:

  • vita sedentaria
  • cattive abitudini alimentari (come una dieta ricca in carboidrati e sale)
  • sovrappeso
  • ritenzione idrica
  • abuso di alcolici
  • il fumo
  • problemi digestivi
  • l’utilizzo di alcuni farmaci
  • alcune posture scorrette
  • indossare regolarmente abiti troppo stretti o scarpe scomode

La cellulite e la dieta mediterranea

La cellulite si può controllare e prevenire seguendo una sana alimentazione ed evitando alcuni cibi che ne possono favorire il decorso. Mangiare bene può essere considerato un approccio utile per prevenire alcuni fattori secondari che contribuiscono al suo sviluppo e, nel caso, per controllare o rallentare il suo decorso. La base della prevenzione della cellulite a tavola è la scelta di un regime dietetico sano e bilanciato, ricco di frutta e verdura e che, in definitiva, si ispira alla dieta mediterranea.

dieta mediterranea

La cucina mediterranea, infatti, non solo esalta i sapori del territorio ma ha saputo concretizzare nella tradizione un corretto abbinamento dei pasti e un sano equilibrio nelle percentuali di carboidrati, lipidi e proteine. In aggiunta, ha magistralmente favorito un soddisfacente apporto di vitamine, minerali, antiossidanti e altri nutrienti, come gli omega 3, 6 e 9, utili nel sostenere le normali funzioni del nostro organismo.

Il segreto del successo salutistico della dieta mediterranea è la possibilità di potere scegliere tra una gran varietà di cibi di qualità: dalla pasta al pesce, dal pomodoro all’olio d’oliva, questi sono solo alcuni esempi di alimenti che hanno saputo fare la differenza.

La cellulite si previene e controlla a tavola

Nella prevenzione della cellulite sono necessari alcuni accorgimenti, per sostenere, in modo mirato, la fisiologica circolazione linfatica e venosa e il metabolismo lipidico e glucido, al fine di controllare la ritenzione idrica e l’accumulo di grasso nelle zone più colpite.

Quali sono quindi le principali abitudini alimentari che aiutano in caso di cellulite?

1. Mantenere controllato il peso, non eccedendo nell’introito di calorie giornaliere

L’aumento di peso e l’obesità sembrano favorire lo sviluppo di cellulite in alcuni soggetti. Infatti non è stata dimostrata una correlazione certa tra obesità e cellulite, soprattutto perché donne normopeso o magre possono sviluppare comunque tale problematica.

In ogni caso, si può parlare di una maggiore predisposizione soprattutto in presenza di altri fattori secondari favorenti, come la sedentarietà, il fumo, l’uso della pillola e altro.

2. Limitare il consumo il consumo di sale

Il sale deve essere limitato di suo, in modo particolare se si tende ad avere problemi di ritenzione che possono favorire la formazione della pelle a buccia d’arancia.

Per aiutarti a ridurre il consumo di sale ti proponiamo alcuni consigli degli esperti della «World Action Salt» focalizzati sulla salute, senza rinunciare al gusto:

  • Il salato è una sensazione gustativa adattabile: diminuendo gradualmente la quantità di sale il tuo palato non se ne accorge e il gusto non si perde;
  • impara a provare il piacevole gusto di altri sapori: spezie, erbe, aglio e limoni sono delle valide alternative al sale;
  • abituati a sciacquare le verdure in scatola, come fagioli, ceci e altro;
  • evita di mettere il sale in tavola;
  • evita le salse già pronte, a tavola ma anche nella dispensa;
  • impara a controllare la quantità di sale degli alimenti che compri al supermercato. L’etichetta è un utile alleato per individuare le quantità di sale presenti in ogni alimento, anche in quelli dove non immaginavi ci fosse, e aiutarti a scegliere alimenti a basso contenuto di sodio.

ridurre il sale nei pasti

3. Consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura, favorendo il colore arancione, rosso, viola e blu

Il consumo di frutta e verdura è essenziale per assicurare un buon introito di vitamine, minerali e antiossidanti. Quando si parla di cellulite, però, si consiglia di favorire il consumo, in stagione, di pomodori, peperoni, agrumi, vegetali a foglia verde e kiwi particolarmente ricchi di Vitamina C, e di albicocche, mirtilli, lamponi e tutta la frutta che dal colore arancione vira al blu, ricca in flavonoidi.

La vitamina C sostiene la formazione fisiologica del collagene per la normale funzione dei vasi sanguigni. I flavonoidi, a loro volta, proteggono i vasi e favoriscono la funzionalità del microcircolo.

In generale, tutta la frutta e la verdura sono una fonte preziosa di vitamine, in particolare alcune del gruppo B che sostengono il normale metabolismo lipidico e glucidico.

4. I carboidrati vanno scelti con cura e parsimonia

Gli studi scientifici hanno evidenziato una certa correlazione tra una dieta ricca in carboidrati e la tendenza a sviluppare cellulite. Quindi, bisogna seguire una dieta che offra il giusto apporto di carboidrati (55%) e, in particolare, bisogna limitare il consumo di zuccheri semplici e preferire quelli naturalmente presenti nella frutta.

Nello specifico, si consiglia di fare attenzione agli zuccheri semplici presenti in molti alimenti e di controllare l’etichetta, evitando il consumo di succhi di frutta confezionati e bibite gasate che spesso contengono glucosio in elevate quantità.

5. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno

Bere acqua favorisce la fisiologica diuresi, prevenendo la ritenzione idrica. Molte persone che soffrono di ritenzione idrica tendono a bere poco per paura di accumulare ulteriore acqua. Sbagliatissimo! La diuresi è un processo complesso che si attiva di riflesso quando beviamo.

bere acqua per favorire la diuresi

In pratica, se non bevi accumuli acqua. Bere almeno 2 litri di acqua è quindi importante per favorire l’eliminazione dei liquidi e per drenare quelli in eccesso insieme alle scorie che si possono formare nelle aree colpite da cellulite, dove c’è spesso ristagno.

Se l’acqua ti stanca, puoi anche bere tisane a base di tè verde, Orthosiphon, betulla o altre piante ad azione drenante che favoriscono l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Inizia quindi a mangiare in modo sano e mirato per vincere la cellulite in vista della prova costume.

Prodotti consigliati

Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.

Chiedi consiglio
all'esperto

Cosa bisogna mangiare prima di una sessione di running?
Quali integratori alimentari scegliere?
Perché mangiare un cibo piuttosto che un altro?
Tante domande a cui, finalmente, puoi dare una risposta.

Cosa aspetti? Chiedi consiglio al nostro Dietista.

Leggi tutte le risposte