mettersinforma

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Dieta della pasta: funziona davvero?

Tu sei qui → Dieta e alimentazione / Dieta della pasta: funziona davvero?

Tempo di lettura: minuti | Data: 06/11/ 2019

I nostri cibi sono composti da nutrienti a loro volta divisi in gruppi: carboidrati, proteine, grassi, vitamine, minerali, fibre e sostanze fitochimiche.

La pasta fa parte del primo gruppo in quanto è costituita dal 70/80% da carboidrati complessi, che dovrebbero a loro volta rappresentare il 55/60% delle kcal totali giornaliere di una persona.

Va da sé, quindi, che eliminare dal proprio regime alimentare la pasta è sconsigliato. Scopriamo insieme alla nostra Dietista il perché.

SCOPRI
la dieta
della pasta

Giovane ragazza prova la dieta della pasta
Pubblicità
Visita il sito

Non è la pasta che fa ingrassare, sono i condimenti

In tutte le diete low carb, la pasta è il primo elemento che viene eliminato e rinnegato, come se fosse nocivo per la salute.

In realtà la pasta, se introdotta nelle giuste porzioni, non fa assolutamente ingrassare né è deleteria per il nostro benessere.

Anche il riso, il pane e tutti i cereali (farro, orzo, cous cous, etc.) fanno parte della famiglia dei carboidrati e ne contengono la stessa percentuale della pasta: il 70%.

Il nostro cervello si nutre di zuccheri, ed è grazie ai carboidrati che abbiamo una giusta quantità di zuccheri per la sopravvivenza.

In 100 grammi di pasta abbiamo 370 kcal, in 100 grammi di pane 300 kcal e in 100 grammi di riso 300 kcal.

Quindi, anche a livello calorico hanno lo stesso potenziale; la differenza stasolo nel condimento.

L’utilizzo di ragù, panna, burro, salsicce o comunque carni troppo grasse fanno raggiungere al piatto di pasta anche più di 600 kcal, ed è proprio questa abitudine che, con il passare del tempo, può farci ingrassare.

Pasta, riso e pane: abolirli dalla nostra dieta è sbagliato

Pasta, riso e pane hanno indici glicemici alti, vengono cioè trasformati in zuccheri durante la digestione, innescando un immediato rialzo della glicemia.

Per ovviare questo, dovremmo aggiungere gli altri nutrienti, come proteine, grassi, ma soprattutto fibra. In questo modo, la nostra digestione sarà più lenta e, quindi, la glicemia si alzerà meno e più lentamente.

La nostra alimentazione si basa prettamente su carboidrati complessi, (55/60% dei kcal totali), quindi, pasta, pane o riso, giornalmente, devono essere presenti nei nostri pasti.

Ma quali sono le quantità di pasta consigliate?

Ragazza ammira un piatto di pasta fumante

La quantità di pasta per una donna è intorno ai 60/80 grammi; per un uomo, invece, si aggira intorno ai 100/120 grammi.

Chiaramente, ognuno ha le sue quantità a seconda dello stile di vita e attività fisica svolta e solo gli esperti del settore posso creare diete ad personam. Ricorda: improvvisarsi dietisti può creare delle grosse problematiche di salute.

5 condimenti equilibrati per il tuo piatto di pasta

In uno dei 2 principali pasti giornalieri (pranzo o cena… ebbene sì, anche a cena si può mangiare e non succede nulla di male all’organismo) la pasta può essere inserita. Il consiglio è quello che sia sempre seguita da una parte proteica, una di grassi e una di fibra.

Ecco 5 condimenti che puoi usare come esempio:

  1. Pasta tonno e pomodorini, condita con olio extravergine d ‘oliva
  2. Pasta con pesto di basilico
  3. Pasta con piselli e zucchine
  4. Pasta ricotta e pomodori
  5. Pasta con ragù leggero (basta non soffriggere l’olio ma cuocere tutto insieme).

Ciò che conta davvero, all’interno di una giornata, non è solo la quantità di calorie totali ingerite, ma anche la loro qualità.

Un’alimentazione sbilanciata verso gli zuccheri semplici (dolci in genere), o verso i grassi, conduce nel lungo periodo aa un aumento del peso – al contrario di unalimentazione equilibrata a base di carboidrati complessi e proteine.

Chiaramente, anche la pasta fa ingrassare se consumata più del fabbisogno e senza un compenso calorico sufficiente (attività fisica).

Ti ricordo che bastano appena 30 minuti di camminata veloce al giorno (oppure 3 volte a settimana per un totale di 150/180 minuti) per rimanere in forma, senza accumulare chili di troppo.

Dieta della pasta: sì o no?

Pasta o non pasta, la nostra alimentazione deve essere equilibrata e basarsi su 5 pasti giornalieri.

Pasti che devono essere ricchi di fibra e scarsi di zuccheri semplici, grassi saturi, prodotti raffinati e confezionati. Bisogna anche bere molta acqua e, soprattutto, fare attività fisica.

Solo così una dieta può funzionare.

Lequilibrio e la qualità di ciò che ingeriamo è tutto. Non si deve mangiare poco o eliminare gli alimenti, si deve mangiare proporzionato e bene.

Se già segui una buona alimentazione, per perdere peso dovresti affidarti a un esperto del settore e svolgere una regolare attività fisica.

E se vuoi dare una spinta in più, puoi usare prodotti che aiutano la perdita di peso, riducendo lassorbimento dei carboidrati e aiutando a gestire gli attacchi di fame.

Prodotti consigliati

Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.

Chiedi consiglio
all'esperto

Cosa bisogna mangiare prima di una sessione di running?
Quali integratori alimentari scegliere?
Perché mangiare un cibo piuttosto che un altro?
Tante domande a cui, finalmente, puoi dare una risposta.

Cosa aspetti? Chiedi consiglio al nostro Dietista.

Leggi tutte le risposte