mettersinforma

Questo sito utilizza tecnologie più recenti per garantirti un'esperienza di utilizzo semplice e funzionale.
Per visualizzarlo scarica e installa un browser più recente, per esempio
Google Chrome, Mozilla Firefox o Microsoft Edge

Soffri di gastrite? Scopri la dieta adatta a te

Tu sei qui → Dieta e alimentazione / Soffri di gastrite? Scopri la dieta adatta a te

Tempo di lettura: minuti | Data: 15/02/ 2019

Sentire il fuoco dentro” è indice di determinazione ma, se la fiamma brucia a causa della gastrite, anche i più perseveranti possono avere momenti di sconforto per problemi con il loro stomaco. Sedersi a tavola per alcuni è un incubo: il cibo può diventare il nemico peggiore di chi soffre di gastrite.

Esiste, però, una dieta adatta o, meglio ancora, una serie di consigli alimentari utili per sedersi a tavola con il sorriso sapendo di potere mangiare cibi e pietanze adatti al proprio “stomaco pazzerello”.

Non ci resta, quindi, che scoprire alcune indicazioni alimentari per individuare i cibi e le abitudini alimentari utili per una dieta per la gastrite, adatta a chi vuole sedare il fuoco nello stomaco e accendere solo quello della determinazione.

SCOPRI
la dieta
per la gastrite

dieta per gastrite
Pubblicità
Visita il sito

Acido, bruciore e dolore: conosciamo meglio la gastrite

Acido, bruciore e dolore, per chi soffre di gastrite, sono parole con un significato ben preciso e difficile da dimenticare.

Quando lo stomaco brucia a causa della gastrite può fare letteralmente piegare dal dolore… e non è solo una questione di acido cloridrico!

In una persona sana, infatti, lacido cloridrico non brucia grazie alle resistenti pareti dello stomaco “progettate” per rimanere intatte e funzionali nonostante il pH dell’ambiente.

Nelle persone che soffrono di gastrite, invece, lacido si fa sentire proprio perché le pareti sono alterate.

Con il termine gastrite, infatti, si raggruppa una serie di problematiche che hanno in comune l’infiammazione della mucosa gastrica ma non solo a causa dei succhi gastrici.

A monte ci sono lesioni del rivestimento dello stomaco dovute a un indebolimento della struttura della mucosa stessa che diventa così sensibile all’attacco dei succhi gastrici.

#METTERSINFORMA: la #gastrite si può presentare in forma acuta, quando si tratta di singoli episodi improvvisi, o cronica, quando perdura.

I sintomi tipici della gastrite sono:

  • Dispepsia
  • Senso di sazietà
  • Epigastralgia ovvero bruciore e/o dolore allo stomaco
  • Nausea
  • Vomito

I fattori di rischio della gastrite

giovane donna soffre di gastrite

Le principali cause o fattori di rischio della gastrite sono:

  • Abuso di farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS (ad esempio acido acetil salicilico, ibrupofene e naprossene)
  • Infezioni batteriche (ad esempio da Helicobacter pylori)
  • Età avanzata, con il passare degli anni il rivestimento dello stomaco tende a ridursi
  • Consumo eccessivo di alcol che può irritare ed erodere le pareti dello stomaco rendendolo più vulnerabile ai succhi gastrici
  • Interventi chirurgici importanti, lesioni, ustioni o infezioni gravi possono causare gastrite acuta da stress
  • Utilizzo prolungato di sali di potassio per reintegrare le perdite di questo minerale nelle persone in trattamento con diuretici
  • Trattamento con bifosfonati nelle persone con problemi di osteoporosi
  • Morbo di Chron
  • Alcune forme di gastrite cronica vedono il coinvolgimento del sistema immunitario, in particolare la gastrite autoimmune

La gastrite, se non trattata, può portare all’ulcera.

I principali farmaci indicati in caso di gastrite sono i protettori gastrici, antiacidi per neutralizzare l’acido gastrico, inibitori della produzione di acido, bloccanti della produzione di acido e antibiotici in presenza di diagnosi di infezione da Helicobacter pylori.

Oltre alla terapia farmacologica, è consigliato seguire una dieta per la gastrite assieme ad alcuni consigli utili per mantenere sotto controlloil fuoco dentro”.

Dieta per la gastrite: cibi e consigli a tavola!

Se la sintomatologia è grave il Medico prescrive una dieta liquida per ridurre al minimo il rischio di irritazione della mucosa e anche per far lavorare meno lo stomaco in modo da limitare la produzione di succhi gastrici, per quanto sia possibile.

Nelle forme lievi o in presenza di una gastrite controllata si devono principalmente seguire alcuni consigli sul modo di mangiare e sui cibi da evitare.

In pratica, la dieta per la gastrite non è altro che un normale regime dietetico sano, vario ed equilibrato leggermente modificato attraverso l’esclusione di alcuni alimenti che si sono dimostrati irritanti o poco tollerati in presenza di tale problematica.

Vediamo quindi la “dieta per la gastrite” e le indicazioni più comuni per sedersi a tavola tranquilli e mantenere sotto controllo le scintille di fuoco nello stomaco.

Cosa mangiare e bere se soffri di gastrite

1. Mangiare poco e spesso ed evitare le abbuffate - Mangiare piccoli pasti più volte nella giornata mitiga gli effetti dell’acido gastrico. Inoltre evitare le abbuffate e i lauti pasti riduce il rischio di indigestione e, quindi, di pagare a caro prezzo l’ingordigia;

2. Preferire alimenti ricchi di fibre come mele, farina d’avena, broccoli, carote e fagioli;

3. Scegliere cibi proteici a basso contenuto di grassi come pesce, pollo e petto di tacchino;

4. Favorire lintroduzione di alimenti a bassa acidità come le verdure;

5. Bere acqua e comunque preferire bevande non gassate e senza caffeina;

6. Favorire cotture semplici e digeribili come quelle al forno o al vapore.

Alimenti da evitare se hai la gastrite

donna con attacco di gastrite a tavola

1. Evitare i cibi che fanno lavorare troppo lo stomaco e stimolano l’ipersecrezione gastrica - Cibi grassi o fritti sono i peggiori per uno stomaco con problemi di gastrite perché necessitano di ore e di “duro lavoro” per essere digeriti. Il risultato è che irritano lo stomaco perché favoriscono un’abbondante produzione di succhi gastrici. Le fritture poi contengono anche acreolina, una sostanza che favorisce la lesione della mucosa gastrica

2. Evitare cibi troppo elaborati perché difficili da digerire

3. Evitare temporaneamente e poi limitare tutti i cibi che in qualche modo irritano lo stomaco - Si tratta in generale di cibi contenenti spezie oppure difficili da digerire o acidi come i brodi ristretti, i concentrati di carne o le pietanze insaporite con i dadi, i prodotti in scatola sott’aceto o in salamoia, alimenti piccanti o troppo zuccherini

4. Evitare temporaneamente e poi limitare bevande acide e irritanti - Alcol, caffè, anche deca, altre bevande contenenti caffeina, teina o altre metilxantine, succhi di frutta o altre bibite acidule e quelle gassate sono tutte irritanti per la mucosa dello stomaco. Inoltre bisogna anche evitare e/o limitare il latte che “si comporta” in modo anomalo: all’inizio funge da tampone protettivo ma a medio termine stimola la secrezione di succhi gastrici

Dieta per gastrite: tiriamo le somme

Adesso, è ancora più chiaro che la Dieta per la gastrite segue le regole della sana alimentazione con qualche piccolo accorgimento per tenere calmo lo stomaco e sedare attacchi di bruciore che si possono controllare facilmente con piccoli sacrificiche evitano spesso fastidiosi dolori.

Abbiamo visto le principali indicazioni sulla dieta per la gastrite. Adesso che conosci le abitudini per mangiare in salute con la gastrite, non ti resta che metterle in pratica e (re)iniziare a sederti a tavola serenamente. Buon appetito!

Prodotti consigliati

Collegamento copiato, adesso puoi condividerlo nelle tue chat.

Chiedi consiglio
all'esperto

Cosa bisogna mangiare prima di una sessione di running?
Quali integratori alimentari scegliere?
Perché mangiare un cibo piuttosto che un altro?
Tante domande a cui, finalmente, puoi dare una risposta.

Cosa aspetti? Chiedi consiglio al nostro Dietista.

Leggi tutte le risposte